Ue/Nato Scegliere tra vecchio e nuovo ordine internazionale

Si discute molto in questi giorni di una maggiore autonomia dell’Unione europea e lo si fa insieme all’auspicio di una politica estera e di difesa comune. Al tempo stesso questo auspicio è corredato dall’affermazione che tale prospettiva resta ancorata al sistema di...

Combattere la delocalizzazione

Da decenni la delocalizzazione produttiva in Paesi a basso costo di manodopera costituisce l’arma più potente di ricatto e sfruttamento del lavoro anche nei Paesi più sviluppati. Il fenomeno ha raggiunto proporzioni insospettate da gran parte dell’opinione pubblica....

Afghanistan e paradossi delle politiche migratorie europee

Il dibattito sulle decisioni da prendere nei confronti dei profughi afghani sta mettendo a nudo ipocrisie, paradossi, nonché autolesionismo delle politiche anti-migratorie praticate dai maggiori Paesi europei e dall’Ue. Tante volte s’è cercato di velarle con la...

Emigrazione: cecità di paesi e istituzioni europee

In questi giorni si torna a discutere di ricollocazione dei migranti nei vari paesi europei come se si trattasse di fardelli di cui distribuire il peso. Anche nel vertice di Parigi del 18 maggio sul finanziamento delle economie africane i paesi membri e le istituzioni...

Atlantismo-Una concezione obsoleta dei rapporti internazionali

Nell’ultimo cinquantennio la globalizzazione del sistema capitalista ha raggiunto un’estensione e pervasività straordinarie rispetto a quelle che hanno caratterizzato le fasi precedenti della sua storia. Senonché la stessa estensione della globalizzazione capitalista...

Governare un Paese

Dirigere un’impresa o un’organizzazione, per quanto grande ed importante è altra cosa che governare un paese. Un paese è una formazione storico-sociale e naturale che ha tutta la complessità di un organismo vivente. Lavoro, studio, difficoltà, aspirazioni, sofferenze,...

Abbiamo bisogno di più immigrati

La riforma dei decreti di “falsa sicurezza” rappresenta solo un primo, timido passo di una necessaria e netta inversione di tendenza delle politiche anti-migratorie prevalse in Italia e in Europa nell’ultimo decennio. In realtà, nel nostro, come negli altri stati...

Autoritarismo o cambiamento, gli opposti scenari

La maggior parte dei governi e delle istituzioni internazionali continuano ad affrontare i drammatici problemi sanitari, economici e sociali che sono stati ulteriormente aggravati dalla pandemia in atto, come se fossero separabili ed indipendenti dalle contraddizioni...

Il virus come catalizzatore di una coscienza collettiva

Anche i problemi posti dalla pandemia s’incaricano di mostrarci, se ve ne fosse ancora bisogno, che il sistema economico-sociale dominante sulla scena internazionale è tanto prepotente e insofferente di qualsivoglia correzione, quanto incapace di far fronte ai...

Il virus taglia la società e mostra com’è fatta

Se si taglia il tronco di un albero si possono vedere i cerchi concentrici che si sono formati durante la sua vita. Il boscaiolo vi legge i tempi della sua crescita, vi scorge le tracce delle sue malattie, vede i segni delle intemperie che l’anno scosso. Anche nella...